La città degli Angeli e la terra dei Sorrisi! Thailandia 2016

… e si ritorna in terra asiatica!
Thailandia, terra dei sorrisi ma anche terra delle mille contraddizioni, e forse affascinante proprio per questo!
Qualche giorno a  Bangkok, città degli Angeli, forse la città che piu’ di tutte quelle visitate incarna questo eterno contrasto..
… caotica, ma affascinante; disordinata e sporca ma con scorci che tolgono il fiato; rumorosa ma allo stesso modo silenziosa nei suoi innumerevoli templi; baracche e palafitte traballanti e fatiscenti accanto a grattacieli e centri commerciali enormi!

 

La mode20161009_105317rnità di questa città è in continua evoluzione , ma la tradizione , la sua religiosità millenaria e l’amore per Re20161010_103836

Bhumibol Adulyadej ( venuto a mancare proprio durante il mio viaggio) non tramonteranno mai!
Bangkok e i suoi Wat, i suoi Pra, le corse pazze in tuk tuk, il festival Vegetariano a Chinatown, i personaggi strani conosciuti, il Chatuchak Market e l’MBK, la gita per i canali e il mercato galleggiante, la stravagante Khao San Road e la eccentrica Pat Pong.

20161010_110906

20161010_102225

 

 

 

 

 

Dopo aver vissuto in tutto le sue sfaccettature questa metropoli, ci siamo diretti alla piu’ turistica Koh Samui alloggiando lungo la centralissima Chaweng Beach .
Koh Samui, pur essendo una delle due isole piu’ visitate della Thailandia, riesce ancora ad essere selvaggia e incantevole ( io non amo molto i posti turistici) se vista in sella ad un motorino e alla ricerca di quei posti che i turisti di solito frequentano poco perché il resort scelto ha gia’ tutto quello di cui hanno bisogno.

20161014_104318Visitiamo la Grandmother & Grandfather , Hin Ta e Hin Yai , che pur nella loro semplicita’ ( sono due roccie dalla forma un po’ particolare..;-) ) sono divertenti e ti fanno capire che la natura riesce veramente a modellare il suo corpo senza la necessita’ di distruggere.
Girovaghiamo alla ricerca della Silver Beach che dovrebbe essere a sud, ma ce la perdiamo, le indicazioni non sono delle migliori.. ma incappiamo nello spettacolare Wat Sila Ngu ( Stone Snake pagoda ) , un te20161016_132649mpio buddista, di solito non menzionato. Quindi ci dirigiamo  verso le waterfalls, Namuang 2 ( che sono le meno visitate perche’ ci sono 20-30 minuti di cammino) e poi dopo la sfaticata torniamo al nostro Hotel, per un fantastico massaggio thailandese in riva all’oceano al tramonto! Vi garantisco che e’ da provare…

20161015_173138
Il giorno successivo facciamo il giro al contrario, andiamo verso nord  e lungo la strada troviamo delle spiagge e degli scorci meravigliosi, poi ci fermiamo a Maenam Beach e poi a Bo Phut Beach, per poter fare verso sera Il Big Bhudda e Wat Plai Laem ( dea dalle miiillleee braccia ).
Il terzo giorno facciamo l’escursione all’Angthong National Park, fisicamente impegnativa ma appagante, da non perdere.

20161016_132649
Finalmente inizia l’esplorazione della Thailandia meno conosciuta e meno turistica.. direzione Koh Phangan. L’idea era di prendere parte al famosissimo FULL MOON PARTY, ma … parti annullato come tutte le feste per un mese dopo la morte del Re.
Rimangono due belle spiagge di Haat Rin, la Sunrise e la Sunset.
Quindi andiamo ad esplorare l’isola, verso nord, Secret Beach anche se cosi’ segreta non e’ … ma  oltre ad una splendida spiaggia, c’e’ una meravigliosa altalena sull’oceano e un bar/ristorante con una vista ammaliante.

20161017_150054
Il giorno dopo su consiglio di Sebastien, andiamo a vedere due spiaggie bellissime ad est di Phangan, raggiungibili solo con la taxi boat, Haad Yuan e Haad Yao.
Poi nel primo pomeriggio direzione Haad Khom e Bottle Beach, teoricamente la spiaggia piu’ bella di Phangan, raggiungibile solo via taxi boat.

20161018_175742
Esplorata tutta l’Isola dedichiamo il nostro ultimo giorno a Phangan, all’escursione a Ko Tao e a Ko Nang Yuan ( forse una delle piu’ belle isole che ho mai visto); snorkeling in posti meravigliosi e giornata in barca!

20161019_13050120161019_131652
Vacanza ormai finita, ma facciamo a ritroso i ritorno su Ko Samui e poi a Bangkok e poi definitivamente a casa..
Lasciare l’isola dei sorrisi è stato difficile, ma conto di tornare per poter esplorare le tante isole meno conosciute…

Salva


Condividi su:

Scrivi un commento

I campi con asterisco * sono obbligatori. La tua mail non verrà pubblicata.