Cahir Castle, la storia, come visitarlo e i dintorni

Il Cahir castle è spesso nominato insieme con la roccaforte gemella che è la Rock of Cashel, che è poco distante ma che racconta tutta un’altra storia. Cahir è la fortezza medioevale che più risponde alla nostra immaginazione: un castello che sorge su un’isola in mezzo al fiume Suir e che lo rende uno dei più suggestivi di tutta l’Irlanda oltre che uno dei meglio conservati.

cahir castle

Un po’ di storia

Cahir, il cui nome originale in gaelico é Cathair Dhun lascaigh (la fortezza del pescatore) nasce come residenza dei Re del Munster, ancora in età precristiana. A seguito dei numeri attacchi, della fortezza gaelica (probabilmente si trattava di un tipico Ringfort) e della successiva ricostruzione normanna non rimane quasi nulla. Nel XII secolo il castello apparteneva agli ÓBrien di Thormond (discendenti di Brian Boru), ai quali si susseguirono i Worcester, gli Ormond (discendenti dei Water) e  infine i Butler.

Thomas Butler partecipò alla ribellione di Hugh ÓNeill, la fortezza cadde in mano inglese ma Butler venne perdonato e mantenne il possesso; successivamente passò in mano inglese, sotto Cromwell, per poi tornare ai Baroni Butler, i quali però abbandonarono il castello a favore della tenuta di Reinhill. Nel XIX secolo il 13° barone Butler restaurò il castello e cercò di riportarlo agli antichi splendori, ma venne utilizzato comunque solo per funzioni ufficiali.

Solo nel 1964 dopo la morte dell’ultimo barone di Cahir, la fortezza passò sotto lo Stato.

Cosa vedere

Questo castello mi è rimasto impresso per la sua bellezza e per la sua imponenza. Particolarmente bella è la vista dalle torri, che spazia dal piccolo villaggio circostante, al fiume fino al parco vicino al castello. Molte sale sono visitabili ed è bellissimo perdersi nei meandri del passato irlandese. Molti sono gli anni di questa fortezza e molte sono le vicissitudini, per cui l’aria che si respira è intensa e sofferta.

Vista da Cahir castle

Io non sono molto amante delle presentazioni audiovisive, ma qui è disponibile come pure le numerose visite guidate.

Di particolare nota, nella stanza dei banchetti, le enormi corna del Megaceros giganteus (cervo gigante irlandese, animale estinto nel pleistocene), il gigantesco meccanismo della sarracinesca e la ben conservata prigione del dungeon (labirinto di segrete).

Le celle di Cahir castle

Swiss Cottage

A pochi chilometri dal Cahir Castle, si trova questo meraviglioso cottage che non sempre viene contemplato nelle visite, ma che secondo me merita un passaggio.

Unico nel suo genere, fu costruito all’inizio del 1800 come luogo di ritiro per Richard Butler. È uno splendido cottage con il tetto di paglia, ma tutto al suo interno dall’arredamento alla carta da parati e ai suppellettili sono inspirati al tema bucolico e alla natura in generale. In questo caso non ci si può perdere nelle numerose stanze, perché la visita guidata è obbligatoria e non si possono fare fotografie ( perlomeno quando ci sono stata io).

swiss cottage Irlanda

La sua costruzione e il successivo restauro, datato 1985, annoverano due nomi importanti: John Nash per il progetto e Sybil Connoly.

Un altro primato, di quello che solo all’apparenza può sembrare una “casa secondaria di campagna”, è nelle carte da parati: una delle prime, di origine parigina, commercializzate.

La contea di Tipperary offre molte attrattive, tra cui:

  • the Rock of Cashel
  • Athassel Abbey
  • Carrick-on-Suir
  • Clonmel

e molto altro, ma di sicuro non potete non fermarvi a Cahir, e se vi piace passeggiare potete avventurarvi anche a piedi verso il campestre Swiss Cottage.

Articolo di Cristina Irelandream


Condividi su:

Scrivi un commento

I campi con asterisco * sono obbligatori. La tua mail non verrà pubblicata.